SÅM – Esplorazione visiva della Lessinia.
Una possibile introduzione

DI STEVE BISSON

La residenza artistica SÅM si configura come una ghiotta occasione per esplorare, e quindi avvicinare, il denso microcosmo della Lessinia. Un territorio che raccoglie una ricca geografia di valori testimoniati con l’istituzione dell’omonimo Parco regionale all’inizio degli anni Novanta del secolo scorso. Come curatore della prima edizione di questo programma sento la responsabilità di dare significatività al ciclo progettuale che si apre, orchestrandone la produzione artistica.

CHIARA BANDINO

“La falsificazione dimostra un crescente grado di artificiosità nella produzione di forme sempre più strampalate, magari connesse a credenze e tradizioni popolari”. Brizzi 1997

“Oggetti fuori dal tempo”, “artefatti fuori posto”, ma soprattutto fuori da ogni logica e di difficile collocazione storica, tali da mettere in crisi la visione delle cose; questi non corrispondono alle comuni convinzioni riguardo al passato, non riescono a dare una logica spiegazione, così i misteriosi oggetti sembrano illuminarsi di luce propria, divenendo qualcosa di inesplicabile che si trasforma in fascinazione per chi ha voglia e coraggio di fantasticare.

FRANCESCO BIASI

Qual è il senso delle fotografie di famiglia?
In che modo il possesso, la cura e la trasmissione di questo tipo di testimonianza fotografica può contribuire a ristrutturare ciò che sentiamo come “immagine” da un lato e il nostro “sentirci nelle immagini” dall’altro?

ANA BLAGOJEVIC

“My father told me: the real man is the one that you can bring to a forest and he would survive for a week.”

EMANUELE BRUTTI

Le storie dei filò

“Ma mi no so se credarghe a ‘ste robe qua…ma qualcossa de verità gà pur da essarghe”

Le storie dei filò erano per lo più leggende o favole ma venivano condite di fatti realmente accaduti fino a far sorgere il dubbio se ciò che si stesse ascoltando fosse vero o frutto di fantasia.

PAOLA FIORINI

Intreccio corale

“Noi siamo l’ordito, cui non si chiede altro se non di mantenersi sempre dritto e teso,gli altri sono la trama, il filo che passa e intesse, perché è proprio dall’incontro con gli altri che via via si precisa l’immagine, i colori che, in ogni momento, ci identificano”

José Saramago

DAVIDE GALANDINI

I left my mother
I left my father
Left my sisters too
Left them standing on the banks
And they pulled me out
Of this mighty mighty river
I’m a rock
Bottom riser
And I owe it’ll to you

Bill Callahan – Smog

NICOLO’ LUCCHI

L’acqua prende e toglie forma al materiale circostante. Dall’alto scende, scava e si inabissa portando con sé strati di roccia. Dagli abissi torna in superficie e sfidando la gravità muta il suo stato da liquido a solido dando nuova forma alla materia.

Un incontro tra acqua e pietra.